Login



Fisco, nuovo regime dei minimi dal 2012 PDF Stampa E-mail
Martedì 19 Luglio 2011 15:16

Entrerà in vigore a gennaio 2012 e sarà riservato solo a chi avrà preso partita Iva dal 2008: il nuovo regime fiscale andrà a sostituire quello dei minimi. La quasi totalità degli attuali minimi potrà beneficiare della sola esenzione Irap, sul piano dei risparmi di imposta, mentre continuerà a fruire degli stessi attuali vantaggi e semplificazioni di tipo contabile. Attese indicazioni specifiche dall'Agenzia delle Entrate. 

 Con la nuova Manovra finanziaria, il regime dei contribuenti minimi (Legge 244/2007, art.1, commi da 96 a 117), si appresta a subire importanti modifiche, che avranno effetto dal primo gennaio 2012. Oltre ad una nuova imposta sostitutiva del 5 per cento, che sostituisce quella attuale del 20, ci sarà anche uno specifico limite anagrafico, introdotto per favorire i giovani che vogliono fare impresa.

Con la Manovra (Decreto Legge n. 98 del 6 Luglio 2011), per potere aderire al cosiddetto "Regime dei Minimi" sarà necessario:
•essere in possesso dei requisiti oggettivi e soggettivi di cui alla Legge 244/2007, art.1, commi 96 e 99;
•iniziare o proseguire un'attività di impresa o di lavoro intrapresa successivamente al 31.12.2007;
•non aver esercitato attività artistica, professionale ovvero di impresa (anche in forma associata o familiare) nel triennio precedente l'inizio attività;
•che l'attività da esercitare non costituisca mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo (ad esclusione dei casi in cui l'attività precedente sia riconducibile al periodo di pratica obbligatoria ai fini dell'esercizio di arti o professioni);
•che l'ammontare di eventuali ricavi, derivanti dalla prosecuzione di un'attività svolta in precedenza da altro soggetto e prodotti nel periodo d'imposta precedente a quello di adesione al regime, siano inferiori ad euro 30.000,00.

Riassumendo, dal 1° gennaio 2012, solamente le persone fisiche che rispettano tali requisiti, potranno avvalersi del Nuovo Regime dei Minimi, godendo della nuova imposta sostitutiva ridotta del 5%, della non applicazione dei redditi all'IVA, IRAP ed agli Studi di Settore e dell'esonero dagli obblighi di registrazione e tenuta delle scritture contabili.

Il regime, ha tuttavia dei limiti temporali, ovvero si applica solamente nel periodo d'imposta in cui l'attività è iniziata e per i quattro anni successivi.
Coloro in quali, pur in possesso delle caratteristiche qualitative e quantitative previste dalla Legge 244/2007, art.1, commi 96 e 99, non rispetteranno gli altri requisiti previsti dalla manovra correttiva, rientreranno in quello che possiamo considerare un regime dei minimi "modificato". (fonte: fisco7.it)

Ultimo aggiornamento Martedì 19 Luglio 2011 15:47
 

Area cittadino




Powered by VisualDP - Tutti i diritti sono riservati